Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Elena Mazzi_La frana bellissima

La settimana scorsa ho visto una frana bellissima. La guardo
ogni giorno dalla terrazza di casa mia, ha rovinato la strada che
collega il mio paese a quello più vicino, e io che non guido la
guardo ogni giorno con stupore. Mio marito e altri paesani hanno
provato ad andare al municipio a chiedere di sistemarla ma
niente. Lui guida, e ha bisogno di portare i prodotti del nostro
orto in giro per venderli. Nessuno fa niente. Allora ho chiesto
alla medichessa una ricetta per guarire la frana e lei mi ha detto:
‘vuoi guarirla? Usa la ricetta della resipola così che non possa
più andare avanti. La risipola si guarisce ungendola d’olio con
una penna di gallina nera e un po’ di lana di pecora se è molto
grave, mentre si dice:
Quande Giesù Criste jiena pe llo monne,
la resibbola je va ’ncontre.
-Resibbola, andove vajie?
-Vajie all’osse de llu cristiène,
pe fall’abbajà com’a ‘nnu chene-
-pietre, ammazze choste..-
-maestre, nnè m’ammazzà,
‘na belle cose te voglie ‘mparà:
la fronna de lla live,
la penne de lla calline
la lana de lla pecurine.
La resibbola se ne va vije’.

Elena Mazzi, Avanzi, installazione e performance, 2015. Courtesy l’artista e galleria Ex Elettrofonica

ph: Andras Calamandrei

progetto realizzato nell’ambito della residenza presso GuilmiArtProject

Leave a comment